top of page
  • Immagine del redattoreAgenzia Moderna

PERCHE' VIVERE A VENTIMIGLIA?

Ventimiglia, per chi ci è nato è insostituibile sotto molti aspetti, ma vorremmo far comprendere a chi invece non ha mai avuto a che fare con la nostra città, quanto sia importante apprezzarne i pregi e quanto in realtà valgano.

Un comune italiano che per qualcuno è conosciuto in qualità di "città di confine", per altri "la Porta Occidentale d'Italia" o ancora "la Porta Fiorita d'Italia"

Ventimiglia racchiude due realtà: la parte moderna e quella più antica, ricca di storia.

Ventimiglia Alta comprende un dedalo di carrugi e stradine pedonali tra cui si distinguono costruzioni di monumenti antichi ed affascinanti.

Un vero e proprio mix di gioielli racchiusi in un unico borgo che è stato rivalutato negli anni, anche grazie alla nascita del nuovo e lussuoso porto in zona Marina.

Eh si, perchè senza il porto non potremmo più fare a meno: un tocco di raffinatezza, ordine e goliardia che rendono la zona indiscutibilmente una delle più ambite.


Come non citare poi la versione di EcoVentimiglia, che la vede vice-protagonista ligure, vantando di sette zone SIC, (Foce del Nervia-Foce del Roia-Castel D Appio-Roverino-Monte Grammondo/torrente Bevera-Capo-Mortola-Fondali di Capo Mortola e San Gaetano), seconda solo a Genova che ne ha otto.

Sic intese come aree strategiche per la tutela di habitat di importanza europea, ovvero quegli habitat naturali o semi-naturali che rischiano di scomparire o che sono legati a specie animali o vegetali minacciate da estinzione.


Quante volte ci capita di apprezzare un prato all'inglese, semplicemente perchè estremamente curato e riprodotto in foto brillanti... Una tipologia di verde che, soprattutto al giorno d'oggi, dovrebbe essere evitata a causa dell'emergenza idrica.

Questo per dire che, invece di ammirare la foto di un magazine inglese, dovremmo imparare a comprendere l'estrema meraviglia che ci offre la costa ligure ad esempio attraverso i giardini botanici Hanbury, in località Mortola, tra vialetti irregolari all'inglese, romantici pergolati, una vista mozzafiato a picco sul mare e soprattutto migliaia di specie botaniche di origine prevalentemente tropicale e subtropicale.


Ventimiglia è come quelle specie di ortiche cinesi, quelle che non necessitano di luce, ma possono tranquillamente vivere limitandosi ad utilizzare una bassissima percentuale di essa: una pietra rara circondata dalla Costa Azzurra e Monaco ad Ovest, la splendida riviera di Levante ed Alassio ad Est, il blu intenso del mare a sud e le montagne sia liguri, che piemontesi, che lombarde a Nord.


Una città a misura d'uomo, ricca di eccellenze di ogni genere, che dobbiamo semplicemente imparare a valorizzare ed apprezzare.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page